Silvia Guidi Curriculum
Pubblicazioni
Progetti di ricerca in corso
Acarologia
Qualifica:Collaboratore tecnico a tempo determinato
Ambito d'interesse:
Collabora all’attività di ricerca e sperimentazione sulla bio-ecologia di acari  fitofagi e predatori per applicazioni di lotta biologica su piante d’interesse   agrario.   Si occupa della raccolta acari su campo e dell’estrazione di acari con   varie tecniche di laboratorio, della preparazione vetrini e della conduzione  allevamenti massali in laboratorio e in serra.
Telefono: 39-055-2492.231
E-mail:
silvia.guidi@isza.it

 

Curriculum:

inizio della pagina

Nel 1988 presso  la Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali dell’Università degli Studi di Firenze, ha conseguito la laurea in Scienze Naturali con voto 106/110, discutendo una tesi sperimentale sul granchio di fiume dal titolo “Uso del territorio e attività locomotoria in Potamon fluviatile (HERBST) (Decapoda - Brachiura)” relatore Prof. M. Vannini, correlatore Prof. G. Chelazzi.

Durante lo svolgimento della tesi di laurea e in periodi successivi ha collaborato alla messa a punto di attività didattico-pratiche relative al corso di Zoologia degli Invertebrati. 

Dal 1984 al  1990 ha fatto parte del gruppo di ricerca “Meccanismi di orientamento e di homing nei Crostacei Potamidi” diretto dal Prof. M. Vannini e finanziato dal Ministero della Pubblica Istruzione.

Nel  1990 ha partecipato all’allestimento ed ha curato lo svolgimento della mostra “Firenze Scienza (laboratorio aperto)” organizzato dall’Assessorato alla Cultura di Firenze e dal Centro Fiorentino di Storia e Filosofia della Scienza.

Nel  1992 ha scritto un capitolo del libro “L’identificazione, la prevenzione e il monitoraggio dell’inquinamento determinato dai prodotti agro-chimici” per il Centro Internazionale Ricerche “Pio Manzù”, Rimini.

Dal 1995 al  1999 ha svolto presso le scuole elementari e medie inferiori del Comune di Impruneta un corso di educazione ambientale sul riconoscimento di flora e fauna del territorio.

Dal 1988 ad oggi lavora presso l’Istituto Sperimentale per   la Zoologia Agraria nella sezione di Acarologia, dove ha svolto numerose attività, partecipando attivamente alla impostazione e alla gestione di sperimentazioni che hanno riguardato lo studio della bio-ecologia delle principali specie di acari fitofagi e di acari predatori. Tali prove sono state eseguite sia in laboratorio sia in campo che in serra.

 Si è occupata della gestione degli allevamenti in laboratorio di acari fitofagi (Tetranychidae, Tydeidae) e di acari predatori Phytoseidae nell'ambito dell'applicazione della difesa biologica e integrata di colture orticole e frutticole. A tale fine ha svolto numerosi campionamenti ed analisi per la stima del danno causato da acari fitofagi e per la valutazione dell'attività predatoria dei loro nemici naturali. 

In serra ha effettuato ripetute prove volte a studiare la biologia e il comportamento di acari fitofagi e di acari predatori su varietà geneticamente modificate di pomodoro e a testare la diversa suscettibilità di quest'ultime all'attacco dei fitofagi. 

Dal 2003 partecipa al progetto PROVIT analizzando le popolazioni di varie specie di acari presenti su vitigni diversi (confronto varietale) e sullo stesso vitigno in vigneti nei quali le strategie di difesa sono diverse ( difesa biologica e convenzionale).  

  Dal Dicembre del 2004 partecipa presso la medesima sezione al progetto EUROMITE (coord. Dr.ssa M. Castagnoli) dal titolo “Development of an economic rearing and transport system for an arid adapted strain of the predatory mite Neoseiulus californicus, for spider mite control” cofinanziato dalla UE (COOP-CT-2004-508090) (www.evergrant.com/euromite). All’interno del progetto si occupa della ricerca e messa a punto di diete alternative al tetranichide T. urticae per il fitoseide predatore N. californicus, dello studio del ciclo biologico di N. californicus e della sua efficienza riproduttiva a varie condizioni ambientali. In particolare è responsabile dell’allevamento del ceppo spagnolo dello stesso fitoseide predatore. 

 


Pubblicazioni:

inizio della pagina

  1. Gherardi F., Guidi S., Vannini M., 1987 – Behavioural ecology of the freshwater crub, Potamon fluviatile: preliminary observations. – Inv. Pesq. 51 (1S): 389-402. 
  2. Liguori M., Guidi S., 1990 - Influenza del condizionamento alimentare di Typhlodromus exhilaratus Ragusa (Acari: Phytoseiidae) sul suo consumo di preda. - Redia, LXXIII, 1: 201 - 211.
  3. Liguori M., Guidi S., 1991 - Osservazioni di laboratorio sulla biologia e sul consumo di preda di Typhlodromus exhilaratus Ragusa (Acari: Phytoseiidae) nutrito con uova o con ninfe di           Tetranychus urticae Koch. - Redia, LXXIV, 2: 301 - 311.
  4. Castagnoli M., Liguori M., Amato F., Guidi S., 1991 - Dinamica spaziale e temporale di Eotetranychus carpini (Oud.) (Acarina: Tetranychidae) e dei fitoseidi suoi predatori sulla vite. - Atti XVI Congresso nazionale italiano di Entomologia, Bari - Martina Franca (Ta), 23 - 28 settembre 1991: 339 345.
  5. Liguori M., Guidi S., 1995 -Influence of different costant humidities and temperatures on eggs and larvae of a strain of Typhlodromus exhilaratus   Ragusa  (Acari: Phytoseiidae). - Redia, LXXVIII, 2: 321 - 329. 
  6. Liguori M., Guidi S., Simoni S., 1996 - Life history and potential for increase of a laboratory strain of the predaceous mite Typhlodromus kerkirae Swirski and Ragusa (Acari Phytoseiidae) reared on different kinds of food. - Redia, LXXIX, 2: 247 - 256. 
  7. Castagnoli M., Liguori M., Simoni S., Pintucci M., Guidi S., Falchini L., 1996 - Observations on diapausa induction in three phytoseiid (Phytoseiidae) species. - In: Acarology IX., M. Rodger, D. J. Horn, G. R. Needam (eds), 1: 9 -12, Ohio Proceedings Biological Survey, Columbus, Ohio 
  8. Castagnoli M., Liguori M., Simoni S., Guidi S., 1998 - Tomato as host plant: effect on some biological parameters of Phytoseiulus persimilis Athias Henriot and Tetranychus urticae Koch strains. - Redia LXXXI: 93-99. 
  9. Simoni S., Liguori M., Nannalli R., Sola A., Guidi S., &Tarchi F., Poggioli D., Castagnoli M., 2004 – A multivariate approach to classify insecticides on the basis of toxic cumulative effects on Tetranychus urticae and Neoseiulus californicus – 5th Symposium of the European Association of Acarologists –Berlin 26-30 july 2004. 
  10. Sabbatini Peverieri G., Guidi S., Liguori M., Nannelli R., 2005 – Gli acari della lettiera nell’analisi della biodiversità di una faggeta dell’Appennino abruzzese. – Proc. XX Congresso Nazionale Italiano di Entomologia, Perugina – Assisi, 13-18 giugno 2005, p. 98.
  11. Sabbatini Peverieri G., Faggi M., Guidi S., Liguori M., Nannelli R., Roversi P.F., 2005 – Variabilità strutturale di faggete dell’Italia centrale e biodiversità in relazione alle comunità di coleotteri carabidi e acari. – Proc. XX Congresso Nazionale Italiano di Entomologia, Perugina – Assisi, 13-18 giugno 2005, p. 84.

Progetti di ricerca in corso:

inizio della pagina

 

 

Home Page I.S.Z.A.   inizio della pagina