Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura

Istituto Sperimentale per la Zoologia Agraria

L'Istituto è sede dell'Accademia Nazionale Italiana di Entomologia

 

Home
istituto
personale
cenni storici
scopi istituzionali
indirizzi di ricerca
REDIA
collezioni
biblioteca
elenco IRSA
link
amministrazione
come raggiungerci

 

 

Gian Paolo Barzanti

Curriculum
Pubblicazioni
Progetti di ricerca in corso
Sezione: Difesa
Qualifica: Assegnista di ricerca 
Ambito d'interesse: Isolamento, caratterizzazione e conservazione di microrganismi entomopatogeni.   Lotta microbiologica
Telefono: 39-055-2492.245
E-mail:
gianpaolo.barzanti@isza.it

 

Curriculum:

inizio della pagina

TITOLO DI STUDIO: Laurea in Scienze Forestali

CONSEGUITO PRESSO: Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Firenze

IN DATA: 20/04/1995

CON LA VOTAZIONE DI:  110/110

TESI DI LAUREA: tesi sperimentale in Patologia Forestale intitolata “Indagini sulle morie di Abete bianco (Abies alba Mill.) sul Monte Amiata”

FORMAZIONE PROFESSIONALE:

- titolo di dottore di Ricerca in Patologia Forestale conseguito nell’anno 2000;

- borsa di studio Post-Dottorato biennale presso il  Dipartimento Territorio Sistemi Agroforestali - Università di Padova.

 ESPERIENZE PROFESSIONALI:

-         Da luglio 2004: titolare, presso l’ISZA, di un assegno di ricerca triennale dal titolo "Prove di patogenicità di ceppi fungini di Beauveria Bassiana nei confronti di coleotteri d'interesse forestale e ornamentale".

-         Da giugno 2002 a giugno 2004: titolare di una borsa di studio Post-Dottorato in Patologia Forestale (Università di Padova) sui funghi endofiti delle querce.

-         Da gennaio 2000 a giugno 2002: collaboratore esterno del Dipartimento di Biotecnologie Agrarie (ex Istituto di Patologia e Zoologia Forestale e Agraria) dell’Università degli Studi di Firenze.

    Da ottobre 1996 a ottobre 1999: corso di dottorato in Patologia Forestale presso l'Istituto di Patologia e Zoologia Forestale e Agraria della Università degli Studi di Firenze.

-         Da giugno 1995 a ottobre 1996: collaboratore esterno dell'Istituto di Patologia e Zoologia Forestale e Agraria della Università degli Studi di Firenze.

-         E' iscritto all’Albo dei Dottori Agronomi e Forestali di Firenze (numero 810) e svolge attività di libero professionista.

-         Dal 2001 al 2004 ha collaborato al progetto CONECOFOR (Controllo Ecosistemi Forestali) del Ministero per le Politiche Agricole e Forestali (MiPAF) in qualità di docente di Patologia forestale.

Attività scientifica

La sua attività di ricerca si è incentrata soprattutto sulle patologie delle piante forestali, con particolare riguardo ai patogeni dell’apparato radicale. Tra questi, un ruolo di primo piano spetta a Heterobasidion annosum, agente di marciume radicale e carie del fusto, del quale ha approfondito le relazioni con Abies alba. In questo contesto rientrano gli studi effettuati su alcuni casi di morie a gruppi, nel corso dei quali ha potuto mettere in evidenza le interrelazioni esistenti tra le condizioni vegetative dell’ospite, le situazioni di stress ambientale e l’aggressività del patogeno.

Ampliando l’attività nel settore dei marciumi radicali, ha iniziato ad interessarsi agli organismi appartenenti al genere Phytophthora e alla loro relazione con i fenomeni di deperimento delle querce più volte segnalati anche in Italia. Questo lavoro è stato portato avanti all’interno di un progetto di ricerca europeo che ha dato modo al dottor Barzanti di approfondire le proprie conoscenze in questo settore collaborando con ricercatori italiani di altre università e confrontandosi con i colleghi tedeschi, francesi, inglesi ed americani, visitando laboratori esteri e verificando in situ le situazioni presenti in vari querceti del centro Europa.

Continuando a studiare le patologie legate a questi organismi, il suo campo di interesse si è allargato al settore dei vivai e delle specie arboree da legno, due settori, strettamente legati, che negli ultimi anni stanno diventando sempre più importanti e per i quali è molto forte l’esigenza di conoscenze più approfondite.

Lavorando sull’abete bianco ha avuto modo di occuparsi anche di alcune malattie della chioma, dedicandosi in particolare allo studio di Lirula nervisequia, un agente di disseccamento degli aghi capace, in condizioni favorevoli, di dar luogo a manifestazioni molto intense.

La borsa di studio Post-Dottorato ha portato il dottor Barzanti a confrontarsi con un aspetto diverso delle relazioni tra funghi e piante arboree che è il fenomeno dell’endofitismo.

Iniziando a lavorare presso l’Istituto Sperimentale per la Zoologia Agraria, ha abbandonato il settore della fitopatologia forestale per passare ad interessarsi di microrganismi (batteri e, soprattutto, funghi) entomopatogeni. Attualmente si occupa del mantenimento ed incremento della collezione di entomopatogeni presente presso l’Istituto dedicandosi principalmente alla caratterizzazione (sotto vari punti di vista) dei vari isolati.  

Attività didattica

Il dottor Gian Paolo Barzanti ha svolto attività didattica nell’ambito di alcuni corsi di formazione professionale e di uno stage di aggiornamento del Corpo forestale dello Stato occupandosi di malattie delle piante e difesa fitosanitaria in ambiente vivaistico, urbano e forestale.

In particolare, ha tenuto un corso di tredici ore (tra lezioni in aula ed esercitazioni in vivaio) nell’ambito del progetto “Corso di formazione per operatrici, tecnici e manager per attività vivaistica di riqualificazione ambientale”, finanziato dalla Regione Toscana. Ha tenuto, inoltre, un corso di fitopatologia e difesa in ambiente urbano (per un totale di otto ore), inserito all’interno di un corso di formazione professionale per giardinieri, organizzato dalla provincia di Pisa.

Chiamato a partecipare al progetto CONECOFOR (Controllo Ecosistemi Forestali) del Ministero per le Politiche Agricole e Forestali (MiPAF), dal 2001 al 2004 ha preso parte allo stage annuale di aggiornamento per guardie e funzionari del Corpo Forestale dello Stato tenendo lezioni in aula e collaborando, in qualità di membro dello staff tecnico, alle giornate di esercitazioni in campo.

Il dottor Barzanti è Cultore della Materia in Patologia Vegetale Forestale ed, in quanto tale, ha collaborato alla gestione delle esercitazioni organizzate dalla Facoltà di Agraria dell’Università di Firenze per gli studenti di tale corso.

Per l’anno accademico 2001/2002 è stato nominato Tutor, nell'ambito del progetto Campus One, per le materie di Difesa delle Piante (Patologia ed Entomologia) del corso di Laurea in Tecnica Vivaistica della Facoltà di Agraria dell'Università di Firenze.

Ha collaborato alla preparazione di materiale didattico in formato elettronico (CD illustrativi) per i corsi di Patologia Vegetale del corso di Laurea in Scienze Forestali e della Scuola di Specializzazione in Architettura dei Giardini e Progettazione del Paesaggio dell'Università di Firenze.


Pubblicazioni:

inizio della pagina

1)      Barzanti G.P., 1995: Indagine sulle morie di abete bianco sul Monte Amiata. Monti e Boschi, 46/5 (5/1995): 61.

 2)      Barzanti G.P., Capretti P., 1996: Morie nelle abetine del Monte Amiata associate ad Heterobasidion annosum. Monti e Boschi, 6/1996: 24 – 28.

 3)      Barzanti G.P., Capretti P., 1996: Effects of drought on Silver fir (Abies alba) stands affected by Heterobasidion annosum in central Italy . In “Stress factors and air pollution”, 17th International Meeting for Specialists in Air Pollution Effects on Forest Ecosystems. Firenze, September 14-19,1996: 71.

 4)      Barzanti G.P., Capretti P., 1997: Marciumi radicali da Heterobasidion annosum nei boschi alpini: ospiti e sintomatologie. In “Aspetti di difesa del bosco nelle regioni dell’arco alpino”. Quaderni di esperienze e ricerche n. 4: 57 – 60. Ed. Istituto Agrario S. Michele all’Adige, TN.

 5)      Barzanti G.P., Capretti P., 1997: Rilievi sui marciumi radicali da Heterobasidion annosum nelle Alpi: ospiti e gruppi intersterili. Monti e Boschi, 2/1997: 24 – 27.

 6)      Barzanti G.P., Tegli S., Capretti P., 1998: Lirula nervisequia (DC ex Fr.) Darker, agente del disseccamento degli aghi di abete bianco (Abies alba Mill.). Micologia Italiana 1/1998: 59 – 65.

 7)      Barzanti G.P., Tegli S., Moriondo F., Maresi G., Capretti P., 1998: Lirula nervisequia on silver fir (Abies alba) needles in the mediterranean region. In: “Foliage, shoot and stem diseases of trees”, Laflamme G., Bérubé J.A., Hamelin R.C. (eds.) – Proceedings of the I.U.F.R.O. WP 7.02.02 Meeting, Quebec City, May 25-31,1997: 13 – 17.

 8)      Capretti P., Barzanti G.P., Cech T., Tomiczek C., 1998: Intersterility groups (ISG) of Heterobasidion annosum in the Italian Alpine region and Austria . In: Delatour C., Guillaumin J.J., Lung-Escarmat B., Marçais B., (Eds.): Root and Butt Rot of Forest Trees (9th International Conference on Root and Butt Rots), INRA Editions (France), Les Colloques n. 89, p. 437 (abst.).

 9)      Capretti P., Barzanti G.P., Luisi N., Puddu A., 1998: Group dying of Silver fir (Abies alba) by Heterobasidion annosum in Central and Southern Italy . In: Delatour C., Guillaumin J.J., Lung-Escarmat B., Marçais B., (Eds.): Root and Butt Rot of Forest Trees (9th International Conference on Root and Butt Rots), INRA Editions (France), Les Colloques n. 89, p. 440 (abst.).

 10)  Barzanti G.P., Turco E., Capretti P., Ragazzi A., 2000: Phytophthora spp. in Quercus forests in northern and central Italy . In: Biodiversity in Plant Pathology. Book of Abstacts. 5th Congress of the European Foundation for Plant Pathology, September 18-22 2000, Taormina Giardini Naxos , Italy , p. 42 (abst.).

 11)  Barzanti G.P., Turco E., Capretti P., Ragazzi A., 2000: Phytophthora spp. in Quercus forests in northern and central Italy . In: Biodiversity in Plant Pathology. Proceedings of the 5th Congress of the European Foundation for Plant Pathology, 18-22 September 2000, Taormina Giardini Naxos , Italy : 131 – 133. 

12)  Santini A., Barzanti G.P., Capretti P., 2001: A New Phytophthora Root Disease of Alder in Italy . Plant Disease, 85/5: 560.

 13)  Turco E., Barzanti G.P., Ragazzi A., 2001: Epidochium sp., agente di cancro su leccio, lungo il litorale toscano. Informatore Fitopatologico 5/2001: 51 – 53.

 14)  Barzanti G.P., Capretti P., Ragazzi A., 2001: Characteristics of some Phytophthora species isolated from oak forest soils in central and northern Italy . Phytopathologia Mediterranea, 40: 149 – 156.

 15)  Vettraino A.M., Barzanti G.P., Bianco M.C., Ragazzi A., Capretti P., Paoletti E., Luisi N., Anselmi N., Vannini A., 2001: Occurrence of Phytophthora species in oak stands in Italy and their association with declining oak trees. Forest Pathology 32: 19 – 28.

 16)  Roversi P.F., Vetralla G., Boretti R., Guidotti A., Tiberi R., Capretti P., Barzanti P., Miozzo M., Oradini A., Toccafondi P., 2002: Il progetto META: i risultati e le prospettive. In: "Il monitoraggio fitosanitario delle foreste", a cura di A. Guidotti (ARSIA). Quaderno ARSIA 2/2002, Firenze: 45 – 50.

 17)  Barzanti G.P., Capretti P., Santini A., Vannini A., Anselmi N., Vettraino A.M., 2003: Alnus cordata mortality in Italy by a new Phytophthora species. In: McComb J., Hardy G., Tommerup I. (eds.), 2003: Phytophthora in forest and natural ecosystems. Second International IUFRO  Working Party 7.02.09 meeting, Albany , W Australia , 30 Sept.-5 Oct. 2001. Murdoch, W. A.: Centre for Phytophthora Research and Management, Murdoch University , 2003: 37.

 18)  Santini A., Barzanti G.P., Capretti P., 2003: Susceptibility of some mesophilic hardwoods to Alder Phytophthora. J. Phytopathology, 151: 406 – 410.

 19)  Turco E., Barzanti G. P., 2004: Ruolo del potenziale osmotico sul comportamento di Phytophthora spp.. Micologia Italiana, 1/2004: 40 – 45.

 20)  Barzanti G. P., Biancalani F., De Rogatis A., Ghelardini L., Guerri S., Santini A., 2004: Indagini preliminari per la messa a punto di test precoci di resistenza a Phytophthora sp. in alcuni cloni italiani di ciliegio da legno (Prunus avium L.). Forest@ 1 (2): 135-140. [online] URL: http://www.sisef.it/

 21)  Parrini C., Rumine P., Barzanti G.P., 2005: Ora la psilla dell’albizzia si diffonde anche in Toscana. Il Floricultore, 3/2005: 34 – 37.

 22)  Rumine P., Barzanti G.P., 2005: Viability of entomopathogenic microorganisms encapsulated in alginate pellets. In: “Invertebrate pathogens in biological control: Present and Future”, 10th European Meeting of  IOBC/WPRS Working Group “Insect Pathogens and Insect Parasitic Nematodes”. (Abst.).

 23)  Rumine P., Del Frate G., Francardi V., Barzanti G.P., 2005: Entomopathogenic fungi isolated from various substrates in pine woods. In: “Invertebrate pathogens in biological control: Present and Future”, 10th European Meeting of  IOBC/WPRS Working Group “Insect Pathogens and Insect Parasitic Nematodes”. (Abst.).

 24)  Rumine P., Faggi M., Parrini C., Luciano P., Barzanti G.P., Roversi P.F., : Problematiche fitosanitarie del corbezzolo (Arbutus unedo L.). In press.

 


Progetti di ricerca in corso:

inizio della pagina

Attualmente si occupa del mantenimento ed incremento della collezione di entomopatogeni presente presso l’Istituto dedicandosi principalmente alla caratterizzazione (sotto vari punti di vista) dei vari isolati.    Titolare, presso l’ISZA, di un assegno di ricerca triennale dal titolo "Prove di patogenicità di ceppi fungini di Beauveria Bassiana nei confronti di coleotteri d'interesse forestale e ornamentale".

 

Home Page I.S.Z.A.   inizio della pagina


via Lanciola, 12/a - Cascine del Riccio - 50125 Firenze - Italy
telefono 39/055/24921 - fax 39/055/209177 - E-mail: isza@isza.it

web a cura di:   Claudia Benvenuti

 Copyright © 1997/2003 - ISZA - Tutti i diritti sono riservati. E' vietata ogni forma di copia e/o riproduzione del contenuto di questo sito senza autorizzazione scritta.
  Data ultimo aggiornamento 14-07-05